La Moda dei Suicidi

La moda dei suicidi

Artinmovimento presenta La Moda dei Suicidi scritto da Marco Avarello, con la regia di Linda Di Pietro e in collaborazione con Solco s.r.l. e Vox Communication srl. Ispirato alla storia vera di France Télécom, la Moda dei suicidi è una piece teatrale itinerante ambientata in una location non convenzionale. Il pubblico è introdotto e guidato nei luoghi dove possiamo immaginare che i fatti avvennero.

modadeisuicidi

Tra il 2008 e il 2010, 58 dipendenti della società di telefonia France Télécom si sono tolti la vita. Nel mirino l’attività dei manager durante il piano di riorganizzazione.

Ispirato alla storia vera di France Télécom, la Moda dei suicidi è una piece teatrale itinerante ambientata in una location non convenzionale. Il pubblico è introdotto e guidato nei luoghi dove possiamo immaginare che i fatti avvennero.

Nel percorso, attraverso le storie di alcuni dipendenti, si ricostruisce la vicenda della privatizzazione del colosso di telefonia francese attuata con un uso spietato e sistematico del mobbing. Realtà e finzione si confondono. I personaggi si rivelano, nell’intimità di una stanza, ripercorrono il passaggio dalla normalità al momento in cui si frantuma. E a tratti le parole dei personaggi si mescolano con quelle realmente scritte, lasciate sotto una finestra dai dipendenti che si tolsero la vita.

Morire di lavoro è inaccettabile, eppure la follia a quanto pare resta una tentazione forte laddove le leggi del mercato hanno reso il rapporto tra una grande organizzazione e le persone che lavorano al suo interno mostruoso e a tratti addirittura ridicolo.

La follia diventa liberazione da un ordine che è profondamente disumano, perchè esige la perdita dell'uomo. La salvezza sembra impossibile da trovare eppure è vicinissima.

Lo scontro non voluto tra due personaggi agli estremi produrrà una situazione grottesca e perfino comica, in un continuo ribaltamento di ruoli destinato a condurci verso un finale imprevedibile.

“Il cammino della vita può essere libero e magnifico, ma noi lo abbiamo smarrito...” (Charlie Chaplin)

Grafica Raffaella Manfredi

Biglietti e Location

Per info e prenotazioni telefonare al 392/2561362 oppure inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
La location cambia di volta in volta. Le date dello spettacolo a Roma sono: 6-7-8 e 13-14-15 Ottobre 2017. Sulla base delle prenotazioni è previsto doppio spettacolo: Venerdì e Sabato ore 20.00 e ore 21.30 | Domenica ore 18.00 e 19.30 .
L’indirizzo della location su Roma verrà comunicata al momento della conferma della prenotazione.
Il costo del biglietto è di 15 euro (ridotto 10 euro)

Con: Pino Calabrese, Vittorio Ciardo, Antonella Civale, Letizia Letza, Marta Nuti, Sandro Calabrese, Tiziana Scrocca, Fabio Morici, e con Valentina Daneo, Loretta Dichio, Sabina Mancusi, Uberta Paoluzzi, Piergiorgio Petrilli, Paola Aguzzi

vai alla pagina Facebook dell'evento In scena il 6-7-8 Ottobre | La Moda dei Suicidi
vai alla pagina ufficiale Facebook della Moda dei Suicidi La Moda dei Suicidi

Foto di scena

Foto di scena Patrizio Cocco

Edizione 2016

modadeisuicidi

La Moda è andata in scena con doppio spettacolo nelle seguenti date: 25-26-27 Novembre e 2-3-4 / 9-10-11 / 16-17-18 Dicembre 2016.

Con: Marius Bizău, Vittorio Ciardo, Antonella Civale, Letizia Letza, Marta Nuti, Giuseppe Grisafi, Tiziana Scrocca, Fabio Morici, Marco Zingaro e con Valentina Daneo, Loretta Dichio, Sabina Mancusi, Uberta Paoluzzi, Piergiorgio Petrilli

Dicono di noi

- La Moda dei suicidi. Quando il lavoro diventa mortale | di Elena D'Elia su Brainstorming Culturale

- La Moda dei suicidi, quando il lavoro uccide per stress e mobbing| di Antonio Mazzuca su Gufetto Press

- A teatro - La moda dei suicidi | di Vittorio de Agrò su Parole a colori

- Morire di lavoro. In scena la Moda dei suicidi | Pop Off Quotidiano

- Nel labirinto del lavoro | di Danilo Maestosi su SuccedeOggi

- La Moda dei suicidi, il caso France Télécom arriva a teatro: intervista a Marius Bizau | di Angelo A. Vegliante su Fanpage

Contatti

VOX Communication

Parla con noi